Barbabietola: proprietà, valori nutrizionali e come utilizzarla

0
62
barbabietola rossa

La barbabietola è una particolare radice di origine vegetale comunemente nota con il nome di Beta Vulgaris. Appartiene alla famiglia delle barbabietole da zucchero, ma presenta proprietà e valori nutrizionali differenti.
Infatti le barbabietole da zucchero, vengono appunto utilizzate per l’estrazione dello zucchero, mentre dala barbabietola rossa non lo si ottiene.
Le barbabietole rosse vengono associate a numerosi effetti benefici per la salute del corpo, come ad esempio la riduzione della pressione del sangue e una migliore resistenza fisica.

Proprietà della barbabietola:

proprietà della barbabietola

Le barbabietole, come abbiamo già detto, hanno delle proprietà nutrizionali benefiche per il corpo.
Queste sono sono composte da:

Carboidrati, che possiedono circa il 10% di zuccheri semplici, che compongono la barbabietola tra il 70 e 80% che varia in base a se la mangiamo cruda o cotta.
Tra i carboidrati troviamo anche i fruttani ed altri che vengono classificati con la sigla FODMAPs.

Fibre, le barbabietole ne sono ricche.
Forniscono fino a 3 grammi di fibre per ogni porzione di 100 grammi.
L’assunzione giornaliera è di circa 30 grammi, numero associato alla riduzione del rischio nel poter sviluppare alcune malattie, ma in particolar modo quelle tumorali.

Vitamica C, è un’antiossidante naturale che migliora le funzioni immunitarie, previene il rischio di tumori e migliora la salute della cute.

Folati (comunemente noti come vitamina B9), sono delle vitamine importantissime per la crescita dei tessuti muscolari e per una regolare funzione delle cellule.
Proprio per la grande presenza di questi folati è consigliata per essere assunta nei momenti di concepimento e per tutta la durata della gravidanza.

Potassio, le diete che contengono potassio fanno si che i livelli della pressione del sangue rimangano stabili, avendo anche degli effetti benevoli sul sistema cardiovascolare.

Betaina, agisce migliorando i livelli delle funzioni epatiche andando a diminuire i livelli di omocisteina ematici.

L’omocisteina, se presenta valori elevati, può rappresentare un rischio nello sviluppare cardiopatie coronarie, ictus e malattie al sistema vascolare.

Betanina, è la colorazione comune delle barbabietole che ne conferisce il colore rosso intenso.

Nitrati inorganici, il succhi prodotti da queste barbabietole ne sono ricchi e una volta assorbite dal nostro organismo verrano poi trasformati in ossido nitrico che favorisce la dilatazione dei vasi sanguigni e riduce la pressione del sangue che passa.

Quali sono i valori nutrizionali delle barbabietole?

Le barbabietole sono ricche di acqua, circa 90 grammi su ogni 100 porzioni.
Sono una fonte naturale di fibre, di acido folico, di potassio e di vitamina C.
Inoltre sono povere di calorie, e sono adatte a chi segue delle diete ipocaloriche.
Presentano infatti un indice di glicemia medio, ma un carico di glicemia particolarmente basso, ciò indica che il consumo di queste barbabietole non incide sui livelli totali di glicemia proprio perchè la presenza dei carboibrati è particoloarmente bassa.

Come utilizzare le barbabietole?

Le barbabietole vanno scelte in base alla loro freschezza, se sono sode e compatte e non presentano nessun tipo di ammaccatura o di parti fradice.

Possono essere consumate e preparate arrosto, a vapore, bollite in pentola, in salamoia o direttamente crude.
È bene tener presente che molti elementi nutrizionali che compongono le barbabietole sono molto sensibili alle alte temperature, quindi per non alterarle sarà meglio cuocerle poco preferibilmente con una cottura a vapore.

Le barbabietole sono inoltre indicate per le insalate di stagione, possono essere usate crude per fare frullati, a forno sono abbinabili a dei formaggi e se vi piace gustarla cruda potrete grattuggiarla semplicemente sulle vostre insalate.

Sono inoltre dei coloranti naturali, vengono utilizzati per la realizzazione di cosmetici naturali grazie al loro succo rosso.

Effetti benefici e controindicazioni:

Le barbabietole rosse hanno numerosi benefici come:

La riduzione della pressione nel sangue, grazie all’assunzione dei nitrati inorganici che possiede e favorisce la riduzione della pressione del sangue nei vasi e la formazione dell’ossido nitrico.

Prevengono la stitichezza, grazie all’alto contenuto di fibre che regolano l’apparato gasto-intestinale.

Hanno un’azione antiossidante, grazie alla presenza della betanina, contro malattie cardiache e ictus proteggendo così anche le pareti dei vasi.

Migliorano il metabolismo, in quanto la betaia tende ad eliminare e ridurre i grassi che spesso contiene il fegato.

Svolgono un’azione di depurazione e disintossicazione dell’organismo, grazie alla presenza dell’acqua contenuta dalle barbabietole che favoriscono la diuresi e l’eliminazione delle tossine presenti nell’organismo.

Migliorano l’attività fisica, in quanto i nitrati presenti la migliorano, favorendo la resistenza dello sportivo.
Inoltre contribuiscono ad alzare le prestazioni di chi fa attività fisica all’aperto migliorando anche la respirazione e il circolo dell’ossigeno nei polmoni.

Anche se hanno degli effetti benevoli ne nostro organismo, potrebbero portare a delle complicazione per i soggetti che sono predisposti a calcoli renali e chi soffre della sindrome dell’intestino irritabile.

Infatti contengono gli ossalati che possono contribuire in special modo alla formazione dei calcoli, avendo anche delle azioni antinutrizionali che non permettono l’assorbimento di alcuni micronutrienti.
Essendo composte anche dalla vitamina B9, i fruttani e i vari carboidrati, aumentano l’alimentazione di alcuni batteri che causano degli scombussolamenti all’intestino soprattutto per chi soffre della sindrome dell’intestino irritabile.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here