Classifica dei 5 migliori modelli di saturimetro da dito professionale [Foto, prezzi e opinioni]

0
266
migliori saturimetri da dito

In questi mesi abbiamo imparato quanto sia importante controllare il livello di ossigenazione del sangue al fine di scoprire eventuali malattie o virus che si annidano all’interno del nostro organismo. Si tratta di verificare la percentuale di ossigeno che c’è nel sangue, segnale di un corretto funzionamento dell’apparato respiratorio. Per controllare questo parametro c’è un particolare strumento, il saturimetro (detto anche pulsossimetro o ossimetro) che fino a poco tempo fa era ad uso esclusivo in ambito sanitario, mentre negli ultimi tempi si sta diffondendo, con versioni ad uso domestico, all’interno di ogni famiglia, al pari del misuratore della pressione arteriosa o del più comune termometro. 

Tuttavia il saturimetro è uno strumento che non siamo abituati ad usare, pertanto nel momento della scelta del modello migliore, è normale che insorgano dei dubbi su quale sia il più adatto alle proprie esigenze. E’ proprio per questo motivo che abbiamo pensato potesse essere utile avere a disposizione una guida che fosse in grado di chiarire ogni dubbio, spiegare bene quali sono le caratteristiche di uno strumento che possa definirsi efficiente e presentare una lista dei 5 migliori modelli di saturimetro presenti in commercio. 

In questo modo potrai avere tutte le informazioni necessarie ad operare una scelta oculare e perfettamente rispondente alle tue necessità. 

Vediamo innanzitutto quali sono le caratteristiche del saturimetro migliore e quali sono i diversi modelli che troviamo in commercio.

OffertaBestseller No. 1
Saturimetro da dito sensore di saturazione di ossigeno e polso cardiofrequenzimetro di colori...
  • CCURATO E AFFIDABILE- questo ossimetro può determinare accuratamente il tuo SpO2 (livelli di saturazione di ossigeno nel sangue)
Bestseller No. 2
IDOIT 3 in 1 Saturimetro Professionale Pulsossimetro da dito con Letture Immediate Ossimetro per...
  • 【Misura affidabile】: certificato da CE, il saturimetro da dito IDOIT è professionale e affidabile.
Bestseller No. 3
IDOIT 3 in 1 Saturimetro Professionale Pulsossimetro da dito con Letture Immediate Ossimetro per...
  • 👨‍👨‍👧‍👧 【Misura affidabile】: certificato da CE, il saturimetro da dito IDOIT è professionale e affidabile.
Bestseller No. 4
Saturimetro da Dito Professionale Certificato, Pulsossimetro da Dito Portatile, Completamente...
  • Multifunzione: misura la frequenza del polso in modo rapido e preciso, la saturazione di ossigeno nel sangue SpO2 dei livelli di emoglobina arteriosa. Con indice di Perfusione.
OffertaBestseller No. 5
AUA Pulsossimetro da Dito, Saturimetro da Dito Portatile Professionale, 4 direzioni Regolabili,...
  • Multi-funzioni: misura la frequenza del polso in modo rapido e preciso, l'indice di perfusione, la saturazione di ossigeno nel sangue SpO2 dei livelli di emoglobina arteriosa e la frequenza...

Come è fatto un saturimetro?

Qualsiasi modello di saturimetro ha tre componenti fondamentali: una sonda e due sensori. Le sonde sono costituite da una fotocellula in grado di ricevere le onde di luce generate dai due sensori che emettono, appunto, raggi luminosi con diverse lunghezze d’onda.

La funzione di questi componenti è quella di valutare il grado di ossigenazione del sangue, ovvero la percentuale di ossigeno che il sangue trasporta. 

Tra le caratteristiche che l’ossimetro migliore deve avere non dobbiamo tralasciare:

  • le informazioni fornite: anche se il saturimetro nasce come misuratore dell’ossigeno nel sangue, molti dispositivi forniscono anche altri parametri come la frequenza cardiaca, la curva pletismografica che indica la velocità con cui scorre il sangue, l’indice di perfusione. Inoltre ci sono alcuni modelli che permettono una misurazione continua per tutto il giorno
  • il display: deve essere chiaro, sufficientemente grande per essere ben visibile anche da persone anziane, e fornire tutte le informazioni necessarie a fornire il quadro della situazione
  • batteria: l’alimentazione del dispositivo può avvenire tramite batterie a litio o batteria ricaricabile, in entrambi i casi è assicurata la lunga durata. 
  • funzioni extra: in fase di acquisto è bene verificare la presenza di eventuali funzioni extra che permettono di arricchire il dispositivo migliorandone l’usabilità. Parliamo ad esempio della memoria, utile ad immagazzinare dati in modo da dare l’andamento nel tempo dei parametri registrati, in alcuni casi vi è la possibilità di memorizzare i dati di due utenti differenti; la funzione di spegnimento automatico, utile a prolungare la batteria; sul display, inoltre è bene che vi sia segnalato lo stato della batteria così che non ci si trovi con lo strumento scarico ed inutilizzabile; la presenza della funzione Bluetooth utile a condividere con altri dispositivi, come il PC, tutti i dati registrati in modo da creare vere e proprie cartelle. 
  • accessori: quando si acquista un saturimetro, è bene che vi siano compresi nel prezzo anche alcuni accessori, come ad esempio il cordoncino per il trasporto o la custodia, rigida o in tessuto, dove riporre il dispositivo dopo l’uso.

In ultima analisi, tra le caratteristiche è bene considerare le eventuali certificazioni che il prodotto ha. Scegliere di acquistare un saturimetro certificato è sicuramente la mossa migliore da fare, poiché assicura un livello qualitativo più alto e quindi un prodotto più performante. 

Ci sono diversi modelli in commercio, ognuno dei quali risponde a determinate esigenze:

  • saturimetro da dito: è la versione più economica, è compatto e molto facile da utilizzare, proprio per questo motivo è il modello più diffuso e più acquistato, anche in ragione del fatto che è molto semplice portarlo con sé così da poter eseguire la misurazione in ogni momento (molto utile per chi deve controllare l’ossigenazione del sangue di frequente)
  • saturimetro palmare: questo modello di saturimetro è più sofisticato e di conseguenza fornisce misurazioni molto più precise. Di contro però è molto ingombrante, si compongono, tra l’altro, di due parti, uno schermo e una sonda. Proprio per la poca facilità e comodità d’uso, questo modello è dedicato ad un uso professionale
  • saturimetro da tavolo: simile al precedente, ha però dimensioni ancor più grandi. Come si può intuire l’uso non è molto pratico per questo è riservato all’ambiente medico
  • saturimetro da polso: questo modello ha la capacità di eseguire un monitoraggio continuo. Si tratta, in buona sostanza, di veri propri bracciali che vanno applicati al polso esattamente come un orologio. In alcuni casi è presente un cavo utile a collegare la sonda con uno schermo, in altri casi vi è invece la tecnologia bluetooth
  • saturimetro pediatrico: è un modello fatto appositamente per i bambini, più piccoli e con una migliore sensibilità in grado di rilevare l’ossigenazione anche se il bambino non resta fermo.

Come usare un pulsossimetro da dito

Il vantaggio di disporre di un pulsossimetro, o ossimetro, da dito è senza dubbio la facilità d’uso. Tutto quello che occorre fare è semplicemente seguire alcuni passaggi alla luce del fatto che questo tipo di dispositivo è sostanzialmente una pinza da applicare al dito, o in alternativa al lobo dell’orecchio. 

Gli step da seguire sono questi: 

  • accendere il dispositivo con l’apposito pulsante di accensione, il display si illumina
  • applicare la pinza al dito, avendo cura di posizionare l’apparecchio all’ultima falange dovrà 
  • attendere che lo strumento rilevi i dati, in questa fase è importante non muoversi 
  • nel giro di qualche secondo sul display appaiono i valori in corrispondenza della propria icona: il cuore per le pulsazioni e la sigla Sp02 per la percentuale dell’ossigenazione del sangue
  • la misurazione è conclusa, si può togliere il saturimetro da dito. 

Qualche consiglio e accorgimento

Nel momento in cui si esegue la misurazione è bene seguire alcuni accorgimenti al fine da rendere la misurazione quanto più precisa:

  • prima di applicare la pinza rimuovere lo smalto, poiché potrebbe essere captato dai raggi andando a falsare la misurazione 
  • se si soffre di circolazione lenta, è consigliabile attivarla prima della misurazione con piccoli esercizi delle dita o semplicemente sfregando i palmi delle mani tra loro 
  • mentre lo strumento esegue la misurazione occorre restare perfettamente immobili

I 5 migliori modelli di saturimetro professionale

Ora che abbiamo visto le principali caratteristiche del saturimetro ed abbiamo conosciuto i vari modelli disponibili, analizziamo quali sono i migliori prodotti che il mercato ci offre. 

Abbiamo selezionato 5 diversi modelli ognuno dei quali hai i suoi punti di forza. In questo modo potrai avere un punto di partenza per eseguire la scelta del pulsossimetro migliore.

  • 1 – beOXIGEN – Il miglior saturimetro sul mercato

miglior saturimetro beoxygenQuesto modello spicca per le dimensioni molto ridotte, che gli consentono di essere sempre a disposizione e portato con sé in qualsiasi posto. Entra perfettamente in tasca riducendo davvero al minimo l’ingombro. 

Si tratta di un saturimetro portatile da dito in grado di rilevare la percentuale dell’ossigeno nel sangue e di monitorare la frequenza cardiaca. Sul display è possibile scegliere tra ben 6 modalità diverse di visualizzazione dei dati. 

Questo strumento è alimentato da batterie ministilo AAA ed ha un sistema di risparmio energetico grazie al quale si spegne automaticamente in caso di inutilizzo prolungato.

Il display è ben fatto, chiaro e ben visibile, i caratteri sono nitidi e grandi così da poter essere facilmente visti da tutti, anche dalle persone anziane. 

beOXIGEN è adatto all’uso di persone adulte, anziani, adolescenti e bambini dai due anni in su, non è adatto ai neonati. 

All’interno della confezione, compreso nel prezzo, c’è un laccetto utile a facilitare il trasporto. 

Vedi BeOxygen in offerta sul sito ufficiale – Ultimi pezzi in sconto

  • 2 – Beurer PO 80 Pulsossimetro professionale

Questo modello di saturimetro è la soluzione perfetta per tutti coloro che soffrono di malattie polmonari e cardiache, difatti consente di misurare la percentuale di ossigenazione del sangue ed allo stesso tempo di monitora la frequenza cardiaca. La particolarità di questo modello è la funzione allarme che si attiva nel momento in cui i dati rilevati superano i parametri di riferimento. In questo modo sarai sempre avvisato tempestivamente quando qualcosa non va. 

All’interno del sistema è presente il software SPO2-Manager grazie al quale è possibile collegare il saturimetro al PC così che possano essere trasferiti tutti i dati rilevati durante la misurazione per poi essere stampati ed avere una cartella di pertinenza. 

Altro aspetto che caratterizza questo modello è la possibilità di monitorare i parametri per 24 ore consecutivamente, funzione questa utile a tutti coloro che hanno necessità di controllare l’andamento dei valori durante tutta la giornata. 

Per quanto riguarda il display, questo è molto ampio, ben visibile e chiaro, è a colori e la visualizzazione di tutte le icone, dei numeri e dei grafici risulta perfetta.

L’alimentazione avviene tramite una batteria a lunga durata, a litio, ricaricabile attraverso una porta USB. 

Beurer Pulsossimetro PO 80, misurazione della saturazione di ossigeno (SpO₂) e della frequenza...
  • Semplice e indolore Il pulsossimetro PO 80 di Beurer misura la saturazione di ossigeno (SpO₂) e la frequenza cardiaca (frequenza del polso); per questo non è necessario un campione di sangue
  • 3 – konjac Ossimetro, Pulsossimetro Da Dito

Ciò che rende particolare questo modello è la semplicità d’uso. Non servono, difatti, particolari attitudini o capacità per poter utilizzare questo saturimetro e rilevare i parametri. Questo strumento spicca per la semplicità d’uso. Grazie al display molto ampio, la visibilità delle icone e dei caratteri è molto nitida, anche se non è a colori.  

Konjac pulsossimetro da dito permette di raccogliere tre tipologie di valori diversi: l’ossigenazione del sangue, il battito cardiaco e l’indice di perfusione (ovvero l’intensità delle pulsazioni nel punto in cui viene posizionato l’apparecchio).

L’uso di questo saturimetro è rivolto a tutta la famiglia, quindi ad adulti, anziani, adolescenti e bambini. Risulta particolarmente adatto a chi soffre di particolari malattie cardiache o respiratorie, ma anche agli sportivi desiderosi di riconosce l’eccessivo sforzo fisico, così da tutelarsi.

Per quanto riguarda l’alimentazione, questo dispositivo necessita di 2 batterie ministilo AAA. All’interno della confezione è presente il laccetto utile a rendere il saturimetro più facilmente trasportabile. 

konjac Ossimetro, Pulsossimetro Da Dito Saturimetro Professionale Portatile Per Frequenza del...
  • ✅Monitoraggio della Saturazione: Il pulsossimetro misura il livello di ossigeno nel sangue, ma consente anche di valutare il livello di frequenza cardiaca e l'indice di perfusione.
  • 4 – HOMIEE Saturimetro da Dito

Si tratta del modello più resistente e che permette quindi una maggiore durata. Ciò si deve alla presenza di una comoda custodia in silicone utile a proteggere l’apparecchio dagli urti accidentali o da possibili cadute. 

Il saturimetro HOMIEE rileva sia la percentuale di ossigeno nel sangue sia le  pulsazioni cardiache. I dati ottenuti vengono riportati sullo schermo che risulta essere ampio e ben visibile. I caratteri e le icone sono grandi, ben visibili e i dati riportati appaiono chiaramente visibili anche alle persone più anziane. Oltre ai dati, sul display è riportato anche è riportato anche il livello di carica della batteria.

Attraverso il pulsante di accensione, invece, è possibile accedere al menù in maniera tale da personalizzare il dispositivo. 

L’esecuzione della misurazione è molto veloce, sono sufficienti solo 8 secondi, trascorsi i quali i dati relativi ai parametri registrati appariranno sul display. Trascorsi ulteriori 8 secondi di inutilizzo, il saturimetro si spegne da solo, questa funzione permette di risparmiare le batterie utili all’alimentazione, che è data dalla presenza di due batterie ministilo AAA.  

All’interno della confezione, inclusi nel prezzo, ci sono un cordoncino per il trasporto ed una comoda custodia in nylon dove riporre il dispositivo dopo l’uso.

  • 5 – Anapulse 100 Saturimetro da dito

Il saturimetro da dito proposto da Anapulse permette una misurazione molto precisa ed accurata. Il dispositivo è in grado di misurare sia l’ossigenazione che la frequenza cardiaca. I dati rilevati saranno visualizzati sul display che, grazie allo schermo nitido ed ai caratteri grandi, permette un’ottima visibilità anche in condizioni di luce ridotta. 

Sul display, oltre ai dati riportati, è possibile creare e visualizzare istogrammi in modo da valutare l’andamento dei parametri raccolti. 

Questo saturimetro ha una resistente e pratica custodia che lo protegge dagli urti, dove poterlo riporre dopo l’uso. In dotazione, incluso nel prezzo, ci sono le 2 batterie ministilo AAA necessarie per l’alimentazione, il manuale di istruzione necessario per un uso corretto, un’altra custodia, questo volta in tessuto, ed un pratico laccetto per facilitare il trasporto. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here