Riso rosso: cosa è, proprietà e benefici

0
158
riso rosso proprieta

Negli ultimi anni le varietà di riso che troviamo ogni giorno in vendita nei supermercati o nei mercati rionali, sono sempre maggiori. Mentre, precedentemente, qualità di riso come, il riso rosso, il riso nero, il basmati ecc, potevano essere trovati solo in oriente, ora sono disponibili facilmente anche in occidente.

E proprio una delle qualità di riso che sta recentemente facendo molto parlare di sé è il riso rosso. Questo riso dalla colorazione molto caratteristica, dovuta ad una particolare pigmentazione del suo agente fungino, è originario della Thailandia ed ora viene coltivato anche nel sud della Francia e, tra le principali regioni italiane produttrici, anche in Piemonte.

Caratteristiche del riso rosso integrale

Questo cereale ha una forma affusolata, è molto ricco di sali minerali e ha un alto contenuto di fibre e un bassa percentuale di carboidrati che lo rendono un grande alleato per cure dimagranti e una corretta alimentazione, inoltre ha anche un grande potere saziante.

A differenza del riso integrale classico è maggiormente ricco di magnesio e di fosforo e non contiene glutine ed è quindi un alimento adatto anche per chi soffre di celiachia. Esistono naturalmente tante tipologie di riso rosso: Riso Rosso Thay della Thailandia, Riso Rosso integrale biologico, Riso rosso Java dall’Indonesia, questi sono alcuni dei principali. L’abbinamento culinario migliore sarebbe con legumi, in particolare lenticchie e ceci, oppure con delle proteine animali come pollo o tacchino.

Come utilizzare in cucina questo riso

Come ogni riso integrale che si rispetti, anche il riso rosso necessita di una lenta cottura, in media dai quaranta ai quarantacinque minuti, la metà invece, se si utilizza una pentola a pressione. Bisogna preventivamente lavarlo con acqua fredda e poi immergerlo in una pentola piena d’acqua per lasciarlo cuocere a fuoco basso assorbendo pian piano tutto il liquido. Può essere utilizzato per risotti oppure semplicemente aggiunto ad altri condimenti.

Proprietà e benefici del Riso Rosso

i benefici del riso rosso

Questo tipo di riso integrale viene coltivato in terreni prevalentemente argillosi che lo rendono notevolmente ricco di proteine vegetali e di ferro. Infatti può arrivare a contenere anche venti volte in più di ferro rispetto al classico riso, questo lo rende un alimento essenziale per donne incinte e per combattere le anemie.

Grazie alle fibre naturali in esso contenute, questo cereale è stato recentemente studiato e catalogato come antiossidante naturale, aiuta a combattere i radicali liberi presenti nel nostro corpo e a rendere la pelle più liscia e luminosa anche in età più avanzata. Naturalmente questo alto contenuto di fibre aiuta anche la motilità intestinale smentendo le credenze popolari che il riso è un alimento sconsigliato per chi soffre di costipazione.

Ma la vera novità che il riso rosso integrale apporta rispetto alle altre varietà di riso è la sua azione anticolesterolo. Viene infatti utilizzato moltissimo come integratore sottoforma di Riso rosso fermentato.

Riso rosso integrale fermentato: benefici e controindicazioni

Il riso rosso, di cui abbiamo parlato fino ad ora, non va confuso con il riso rosso fermentato, quest’ultimo, infatti, è ottenuto dalla fermentazione di riso bianco con un lievito, il Monascus purpureus. Questo lievito fornisce al riso alcune sostanze chimiche chiamate ‘monacoline’ che recenti studi hanno dimostrato avere una forte funzione anticolesterolo, in special modo la monacolina K. Queste sostanze chimiche sono in grado di sostituirsi all’azione di alcuni farmaci, come le statine, contro il colesterolo addirittura in maniera più efficace. Riducono il colesterolo nei vasi sanguigni aiutando la circolazione inibendo la sintesi del colesterolo nel fegato tramite i suoi enzimi.

Ecco perché negli ultimi anni moltissime aziende hanno investito soldi e strumentazione per studiare e mettere appunto dei particolari integratori alimentari che contengano il riso rosso fermentato. E’ stato anche dimostrato che alcune persone intolleranti alle statine sono, invece, perfettamente in grado di sopportare integratori a base di riso rosso fermentato.

Grazie ad uno studio condotto in Italia, si è fatta un po’ di luce anche sulle controindicazioni che questo prodotto può avere sul nostro organismo. Esso, infatti, produce effetti collaterali molto simili ai farmaci a base di statine presenti sul mercato: dolori muscolari, tossicità epatica, reazioni gastrointestinali ed anche problemi alla cute.

Questo integratore se assunto in dosi eccessive e senza un preventivo consulto con il proprio medico può rappresentare un vero e proprio problema per il corpo che non riesce a sopportare elevati livelli di monacolina K. E’ stato fortemente sconsigliato in caso di gravidanza e allattamento, per individui di età maggiore ai 65 anni, per chi soffre di calcoli renali e infiammazioni al fegato.

Nonostante sia un ottimo prodotto per chi soffre di colesterolo alto, va comunque usato con moderazione e unendolo ad una corretta alimentazione che è sicuramente il primo, ed anche il più efficace, metodo per ridurre il colesterolo in eccesso, magari aggiungendo anche una piccola attività fisica giornaliera.
Il riso rosso, invece, con il suo aroma orientale sarà sicuramente un asso nella manica per tutti i tipi di dieta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here